Cerca un autore celebre

Alessandro Baricco



«Impara a respirare con le branchie Google!»

tag: tecnologia
VOTI: 1


«Il vino hollywoodiano si è imposto nel mondo anche per la ragione ovvia che è di matrice americana. Puoi inventarti tutte le ragioni raffinate che vuoi, ma alla fine, se vuoi capire come mai oggi nello Yemen bevono vino hollywoodiano, e in Sudafrica producono vino hollywoodiano e perfino nelle Langhe lo fanno, la risposta più semplice è: perchè la cultura americana è la cultura dell'impero. E l'impero è ovunque, anche nelle Langhe.»

tag: cibo
VOTI: 1


«Il punto è importante proprio per il tipo di evidenza che assume in una cultura ancora fortemente romantica come la nostra: quel vino nega uno dei principi dell'estetica che ci è propria: l'idea che per raggiungere l'alta nobiltà  del valore vero si debba passare per un tortuoso cammino se non di sofferenza quanto meno di pazienza e apprendimento.»

tag: cibo libri
VOTI: 1


«Il braccio che è diventato pinna, forse non è un cancro, ma l'inizio di un pesce.»

tag: libri
VOTI: 1


«I barbari, eccoli qua.»

tag: violenza
VOTI: 1


«Erano mosse apparentemente suicide. Ma erano il movimento di una zampa, o la flessione della schiena, o l'angolo di uno sguardo: intorno c'era l'animale, ed aveva un piano, ed era l'animale, l'unico, che sarebbe sopravvissuto.»

tag: libri
VOTI: 1


«Erano aspiranti lettori che non avevano mai aperto un libro.»

tag: cultura
VOTI: 1


«Era un pioniere, non aveva quattro generazioni di artisti del vino alle spalle, e faceva vino dove nessuno aveva mai pensato di fare altro che pesche e fragole.»

tag: cibo libri
VOTI: 1


«Era un americano e così sapeva, con lo stesso istinto che altri misero a frutto a Hollywood, che quel vino doveva essere semplice e spettacolare.»

tag: cibo
VOTI: 1


«[Riferito a Walter Benjamin] Era il genio assoluto di un'arte molto particolare, che un tempo si chiamava profezia, e adesso sarebbe più proprio definire come: l'arte di decifrare le mutazioni un attimo prima che avvengano.»

tag: personaggi famosi
VOTI: 1


«Eppure, in quella innegabile perdita di ricchezza, in quella volontaria riduzione di possibilità , in quella ritirata strategica geniale, quegli uomini trovarono la strettoia attraverso cui arrivare a un mondo nuovo, che tutto sarebbe stato tranne una perdita di anima.»

tag: uomini libri
VOTI: 1


«[Riferito a Walter Benjamin] Ecco: lui non cercava mai di capire cos'era il mondo, ma, sempre, cosa stava per diventare il mondo.»

tag: personaggi famosi
VOTI: 1


«è un viaggio per viandanti pazienti, un libro.»

tag: cultura
VOTI: 3


«è ovvio che, una volta isolato, qualsiasi segmento del corpo risulta fragile, immotivato, e perfino ridicolo. Ma è il movimento armonico di tutto l'animale, che bisognerebbe essere capaci di vedere. Se c'è una logica, nel movimento dei barbari, è solo leggibile a uno sguardo capace di assemblarne i diversi pezzi. Altrimenti è chiacchiera da bar.»

tag: libri
VOTI: 1


«è un punto importante: lì trova fondamento uno dei grandi luoghi comuni che da sempre covano sotto la superficie della paura dei barbari: il pensiero che loro siano l'avidità  contrapposta alla cultura; la certezza che si muovano per un'ipertrofica, quasi immorale, avidità  di guadagno, di vendite, di profitti.»

tag: libri
VOTI: 1


«E quelli che chiamiamo barbari sono una specie nuova, che ha le branchie dietro alle orecchie e ha deciso di vivere sott'acqua.»

tag: vita animaliste
VOTI: 1


«Dunque, nuovo indizio: i barbari usano una lingua nuova. Tendenzialmente più semplice. Chiamiamola: moderna.»

tag: cultura
VOTI: 1


«Dal vino si impara un'ipotesi importante: quando percepiamo un'evidente perdita di anima, lì stanno lavorando, sotto la superficie di un'apparente barbarie, eventi di natura diversa che è possibile riconoscere uno ad uno.»

tag: cibo
VOTI: 1


«Da Baudelaire alle pubblicità , qualsiasi cosa su cui si chinava diventava la profezia di un mondo a venire, e l'annuncio di una nuova civiltà .»

tag: personaggi famosi
VOTI: 1


«Credetemi: è dall'alto, che bisognerebbe guardare. è dall'alto che forse si può riconoscere la mutazione genetica, cioè le mosse profonde che poi creano, in superficie, i guasti che conosciamo. Io cercherò di farlo provando a isolare alcune mosse che mi sembra siano comuni a molti degli atti barbarici che rileviamo in questi tempi. Mosse che alludono a una precisa logica, per quanto difficile da capire, e a una chiara strategia, per quanto inedita.»

tag: libri
VOTI: 1
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10