Cerca un autore celebre

Stefano Benni

data: 10/26/14 autore:
Stefano Benni è uno scrittore, giornalista e poeta italiano contemporaneo. Benni collabora con numerose testate, come Manifesto, Cuore e Panorama, Repubblica e MicroMega.
 
 
Allora io raccolgo i chilometri di pellicola della mia vita, mi ci avvolgo come nelle spire di un serpente e alla fine trovo quel pezzo di racconto. Cerco di togliere via il troppo dolore, e la futilità, e i particolari superflui, tanto so che torneranno poco alla volta.
 
 
La sua prima pubblicazione risale al 1976 con Bar Sport. Scrittore prolifico, spazia fra i vari argomenti, tra romanzi, racconti, raccolte di poesie, teatro, e perfino cinema. Innovative le sue poesie satiriche di Prima o poi l'amore arriva (1981). Tra gli altri suoi libri hanno riscosso molto successo segnaliamo La compagnia dei celestini e Saltatempo.
 
 
La comunicazione perfetta esiste. Ed è un litigio.
 
 
È ideatore della "Pluriversità dell'Immaginazione" e dal 1999 cura la consulenza artistica del festival internazionale del jazz "Rumori mediterranei" che si svolge ogni anno a Roccella Jonica. Il suo stile è moderno e scanzonato, mentre i suoi testi sono generalmente tesi fra comicità e fantasia.
 
 
La giraffa ha il cuore lontano dai pensieri. Si è innamorata ieri, e ancora non lo sa.


«Ci siamo battuti per un giorno e una notte. Una goccia in più chiedevamo noi, un po' di pietà per gli uomini. Ma gli altri angeli erano più numerosi, e fummo scacciati. E ci chiamarono ribelli, qualcuno anche diavoli. Ma a loro, i vincitori, è riservato poco, accogliere preghiere. Noi invece viviamo meravigliosamente in mezzo agli uomini, soffrendo con loro. E non farmi domande su Dio.»

tag: uomini eros
VOTI: 1


«Alla nota del fiume si accordò un altro suono. L'uomo, con un bastoncino, batteva sul fango secco. Quel rumore ritmico, il pulsare di un cuore, richiamò qualcuno.»

VOTI: 1


«Quando l'ultima nuvola scivolò via dalla luna, l'ombra dell'uomo si allungò come se sgorgasse dalla terra. Un filo d'acqua scorreva tenace nel greto screpolato del fiume, e non faceva più rumore di un respiro.»

VOTI: 1


«Una notte un uomo si svegliò in mezzo al deserto, senza sapere quanto aveva camminato, né perché.»

tag: uomini
VOTI: 1


«È stato calcolato che il peso delle formiche esistenti sulla terra è pari a venti milioni di volte quello di tutti i vertebrati - così lo scultore ottocentesco Amos Pelicorti detto il Mirmidone rispondeva a coloro che gli chiedevano perché componesse le sue opere in mollica di pane.»

VOTI: 2


«Non so dire se cercassi qualcosa, o se fossi inseguito: ricordo che erano tempi difficili ma io ero, per qualche strana ragione, felice.»

tag: ragione
VOTI: 1


«Passiamo metà della vita a deridere ciò in cui altri credono, e l'altra metà a credere in ciò che altri deridono.»

tag: vita
VOTI: 2


«Al bar Sport non si mangia quasi mai. C'è una bacheca con delle paste, ma è puramente coreografica. Sono paste ornamentali, spesso veri e propri pezzi d'artigianato. Sono lì da anni, tanto che i clienti abituali, ormai, le conoscono una per una.»

tag: sport
VOTI: 1


«Le donne sono attrici, te ne accorgerai.»

tag: donne
VOTI: 1


«Capiscilo tu, perché certi uomini non sanno più capire.»

tag: uomini
VOTI: 1


«La vita si spalancava davanti a me, ero libero, e la libertà è rischiosa, non puoi sapere se nel tuo fiume c'è un mulinello pronto a strangolarti, se dietro la curva la strada prosegue in salita o sprofonda in un burrone, se c'è ad attenderti una locanda o lo sceriffo di Nottingham. La libertà, diceva Baruch, è un fungo che devi assaggiare, non puoi sapere prima se ti fa male o no. E io non sapevo quale dei miei due orologi avrebbe battuto più forte. Non sapevo neanche più se ero giovane o vecchio. Un giovane che morirà a vent'anni, a diciotto è già vecchio.»

tag: vita
VOTI: 1


«Soffrivo come Otello, o come uno stronzo.»

VOTI: 1


«Uno crede che una volta che le cosa vanno bene, che hanno preso l'anda della felicità, la strada sarà sempre in discesa, basta prendere più spinta e la goduria aumenta, diventa vertiginosa, e si sarà sempre più felici finché si raggiunge il trampolino della fortuna e si vola nel nirvana del perfetto culo.»

tag: felicita e tristezza
VOTI: 2


«E capii che nella vita non volevo diventare come certe persone, e avrei cercato con tutta la mia forza di essere come certe altre.»

tag: vita
VOTI: 1


«Che brandello di vita, che pochi pensieri e volti, che solitudine senza volto.»

tag: vita solitudine
VOTI: 1


«Quand'ero molto piccolo ho visto un Dio. Scarpagnavo verso la Bisacconi. Scarpagnare vuol dire camminare a saltelli per via del dislivello, io abitavo in montagna, la scuola era in basso. Si scarpagna senza pause, con l'inerzia della discesa che impedisce di fermarsi, un continuo scuotimento nei giovani marroni e un piccolo ansito nei polmoncini.»

tag: giovani scuola
VOTI: 1


«Una gigantesca, unica ragione divideva il mondo in quelli che l'avevano, cioè tutti, e gli altri, e cioè tutti.»

tag: ragione
VOTI: 1


«Ma quando dormiamo siamo tutti uguali, morfeonauti inermi nel colorato gorgo, e non conta cosa si sogna, se no saremmo tutti in galera. E non è neanche giusto dire: mi sono svegliato incazzato, ti sei svegliato e poi, in un attimo, hai fabbricato i tuoi motivi di rabbia. E se metti la sveglia per andare a fare un attentato di buon'ora, beh, fino a quando la sveglia non trilla sei innocente.»

tag: rabbia galera
VOTI: 1


«Tu sei la pubblicità della sfiga.»

VOTI: 1


«Io, che sono una bambina in scadenza, penso: a) che i grandi non hanno più nulla da insegnarci; b) che sarebbe meglio se noi prendessimo le decisioni, e i temi scolastici contro la guerra li scrivessero loro; c) che dovrebbero smettere di fare i film dove la giustizia trionfa e farla trionfare subito all'uscita del film. Ebbene sì, sono polemica.»

tag: film decisioni
VOTI: 1
1 2 3 4 5 6 7