Cerca un autore celebre

Corrado Augias



«Da dove cominciare il racconto di un universum qual è Roma? In una città contraddittoria come questa, carica di tutta la gloria, di tutte le rovine e di tutta la polvere che i secoli si sono lasciati dietro, è possibile scorgere le tracce di ogni evento o sentimento umani, l'ardimento e la goliardia, la generosità e l'ignavia, l'intraprendenza e la losca mollezza degli infingardi. Non c'è avvenimento della storia conosciuta che non abbia lasciato un segno, una cicatrice, un graffio sulla sua scorza.»

tag: eros storia
VOTI: 1


«La letteratura non ha messaggi né valori morali da proporre, e quando ne ha, si tratta di un genere di cattiva letteratura. Il suo solo compito è di rappresentare la contraddittoria esperienza del tutto e del nulla della vita, del suo valore e della sua assurdità.»

tag: vita esperienza valore
VOTI: 1


«Noi ci limitiamo ad analizzare Gesù dal punto di vista storico, al pari di Alessandro Magno o Giulio Cesare, altre grandi figure che hanno cambiato il corso degli eventi: se davanti a questo la fede barcolla, povera fede.»

tag: religione storia
VOTI: 1


«Privato del suo mantello teologico Gesù diventa una figura più affascinante, perché più drammatica, più fragile, una figura da amare, che si capisce molto meglio senza fede.»

tag: amore
VOTI: 2


«I romanzi di Hugo sono poderosi, zeppi di personaggi che balzano al vivo fuori della pagina, figurine di un presepio laico, di una rappresentazione profana sulla sacralità della vita terrena, l'infanzia, il male, la giustizia, l'amore, gli uomini di Dio.»

tag: amore vita uomini
VOTI: 1


«Un giovane che voglia avere davanti a sé una ragionevole porzione di futuro dovrebbe dominare (dico "dominare", non balbettare) almeno tre livelli linguistici: il dialetto locale, quando c'è; la lingua nazionale; una lingua straniera.»

tag: ragione
VOTI: 1


«Noi siamo abituati a dare a parole come "silenzio" e "solitudine" un significato di malinconia, negativo. Nel caso della lettura non è così, al contrario quel silenzio e quella solitudine segnano la condizione orgogliosa dell'essere umano solo con i suoi pensieri, capace di dimenticare per qualche ora "ogni affanno".»

tag: solitudine silenzio
VOTI: 1


«I libri sono per loro natura strumenti democratici e critici: sono molti, spesso si contraddicono, consentono di scegliere e di ragionare. Anche per questo sono sempre stati avversati dal pensiero teocratico, censurati, proibiti, non di rado bruciati sul rogo insieme ai loro autori.»

tag: natura libri auto
VOTI: 1


«L'imbecillità rappresenta, ahinoi, una risorsa utile per il sistema: se non ci fossero tanti imbecilli in giro non sarebbe così facile trovare un furbone che li seduce. Ecco perché un imbecille è molto più pericoloso di un mascalzone.»

tag: stupidita
VOTI: 1


«La lingua è una geniale convenzione, le parole significano qualcosa solo perché siamo tutti d'accordo che ciò debbano significare.»

tag: cultura
VOTI: 1


«La vita contemporanea, all'apparenza così piena di luce (in tutti i sensi), contiene in realtà vaste zone d'ombra, dove solo la letteratura e le arti sono in grado di penetrare; sicuramente non riusciranno a illuminarla per intero, tanto meno potranno cambiarne il connotato, ma possono aiutarci a percepirne l'estensione e la complessità, il che sarebbe già un risultato notevole.»

tag: vita
VOTI: 1


«Mi piacciono di Roma gli angoli nascosti. Se mai avrò l'occasione di scrivere un libro su "I segreti di Roma", vorrei raccontarne angoli che pochi conoscono, storie strepitose, leggendarie, legate a certi vicoli o a certe case, figure dirompenti e dimenticate, le avventure della Roma fascista, certi angoli dei Prati o dei Parioli, anche però certi aspetti misteriosi, quasi sempre ignorati, dei grandi monumenti.»

tag: patria
VOTI: 1


«Il titolo che ho dato al mio libro su Amedeo Modigliani, "Il viaggiatore alato", è preso da un verso di una poesia di Baudelaire, "L'albatros", che Modigliani amava e ripeteva spesso.%ENDRoma è più bella di Parigi da un punto di vista di stretta estetica tradizionale. Ha sicuramente il centro storico più bello del mondo; penso alla zona dal Colosseo a piazza del Popolo, alla Roma seicentesca racchiusa nell'ansa del Tevere. Purtroppo le pesano addosso i guasti spaventosi della speculazione edilizia degli ultimi decenni, periferie senza storia e senz'anima. Chi conosce la città riesce a viverci comodamente, certe volte anche troppo, viene voglia di dire. Chi invece ci viene da forestiero temo che viva in un continuo stato di ansia, perché è una città dove non sono molte le cose che funzionano.»

tag: storia viaggi moda
VOTI: 1


«Fra i dipinti di Modigliani, quello che amo di più è "Il grande nudo", del 1919 circa. Un altro nudo che mi affascina è La Venere di Urbino di Tiziano. C'è un doppio giallo legato a questo quadro: non si conosce l'identità della signora - una prostituta? Una contessa? - e inoltre vi è un'ambiguità nella posizione della mano: gesto di pudore o di piacere?»

tag: amore
VOTI: 1


«Una sera a "Babele" venne Roberto Benigni e recitò a memoria il V canto dell'Inferno (Paolo e Francesca). Ci sono tanti modi di dire Dante: Benigni lo rese in modo assolutamente originale con gli accenti di un popolano toscano. Fu una grande esperienza e gli spettatori superarono largamente il milione. La televisione dissipa ogni giorno enormi possibilità per pigrizia, Dante direbbe per ignavia.»

tag: esperienza
VOTI: 1


«La poesia ha in televisione un'ottima resa ed è un peccato che pochi se ne siano accorti.»

tag: poesie
VOTI: 1


«Si potrebbe dire che alla TV si applica la nota legge fisica che rende inversamente proporzionali la velocità e la potenza. Anche per questo è così difficile fare programmi culturali.»

tag: cultura
VOTI: 1


«La TV ha grande capacità divulgativa, ma spessore minimo.»

tag: tv e cinema
VOTI: 1


«Dedicammo a suo tempo un'intera puntata di Babele (la trasmissione televisiva dedicata ai libri) ai poeti italiani viventi. Si alzavano, venivano brevemente presentati, recitavano i loro versi. Ci aspettavamo un'audience molto bassa, invece il programma, secondo l'Auditel, venne seguito da otto o novecentomila persone. Credo che quella puntata ebbe successo perché le poesie, come le canzoni, sono una forma di comunicazione concentrata e molto espressiva.»

tag: tempo libri canzoni
VOTI: 1


«Una persona esce di casa, va al supermercato, compra questo e quello, uscendo dal supermercato intravede un'ombra che si dilegua. Poi si scopre che in quella strada è stato commesso un omicidio. Tutta la banalità della spesa quotidiana diventa di colpo elemento di dramma: i gesti, gli orari, la successione dei movimenti, ogni dettaglio acquista rilievo e peso drammatico, quindi narrativo.»

tag: vita
VOTI: 1
1 2 3