Cerca un autore celebre

Lo strano caso dello stipendio che lievita

data: 26/09/2020 nome:
Lo strano caso dello stipendio che lievita

Il denaro pubblico non esiste. Non esiste che il denaro dei contribuenti.
Margareth Thatcher

 

Ed è proprio il denaro dei contribuenti che alimenta l'avidità di certe persone che si trovano in politica o ai vertici di alcune strutture pubbliche. L'ultimo caso vergognoso è, in ordine di tempo, quello che riguarda Pasquale Tridico, nientemeno che il presidente dell'Inps. Che per intenderci trattasi dell'istituto che fatica a pagare le giuste pensioni agli italiani che le meritano dopo una vita di lavoro, ma ha trovato i soldi per far lievitare lo stipendio di Tridico alla modica cifra di 150.000 euro l'anno, dalla ancor più modica di 62.000 che guadagnava prima. Evidentemente non gli bastavano per le spese, poverino.

Ma come è stato possibile un aumento del genere dopo tutti i tagli fatti appunto alle pensioni italiane? Semplice: con un decreto interministeriale firmato dal ministro del lavoro Nunzia Catalfo e dal responsabile dell'economia Roberto Guarnieri. Tutto regolare, insomma, a norma di legge.

Ma non solo. Si è pensato bene di rendere il documento retroattivo, ovvero che iniziasse dal momento in cui il presidente ha ricevuto la sua nomina, quindi gli spettano pure gli arretrati.

Forse la cosa più triste in questa vicenda è che Pasquale Tridico è uno degli economisti che ha contribuito a ideare il famigerato Reddito di cittadinanza, che avrebbe dovuto essere un aiuto economico dello Stato per i più bisognosi ma che, purtroppo, è stato usato impropriamente da chi bisogno non ne aveva affatto. Ma questa è un'altra storia.

E tutto questo in un momento storico in cui centinaia se non migliaia di lavoratori si sono trovati a dover fare i conti con un'emergenza finanziaria mai vista prima dovuta alle forzate chiusure durante la pandemia. Tanto che 500mila di loro ancora aspettano i soldi della cassaintegrazione.

La legge è davvero uguale per tutti?

FrasiCelebri

Dal nostro blog

Non innamorarti di una donna che legge, che sente troppo, che scrive

Non innamorarti di una donna che legge, che sente troppo, che scriveNon innamorarti di una donna che legge, di una donna che sente troppo, di una donna che scrive… Non innamorarti di una donna colta, maga, delirante, pazza. Non innamorarti di una donna che pensa, che sa di sapere e che, inoltre, è capace di volare, di una donna che ha fede in se stessa. Non innamorarti di una donna che ride o piange mentre fa l’amore, che sa trasformare...

Dal nostro blog

Mi chiedi quanti anni ho? Ho l'età per cogliere la differenza tra sogni e illusioni...

Mi chiedi quanti anni ho? Ho l'età per cogliere la differenza tra sogni e illusioni...Mi chiedi quanti anni ho? Ho l'età per cogliere la differenza tra sogni e illusioni, e continuare a sperare ancora. Ho l'età per contare ferite e cicatrici sul mio corpo, ma il cuore intatto della bambina che ero e che sempre sarò. Ho l'età per voltare le spalle a chi non merita la mia fiducia, e per continuare a camminare mano nella mano con chi ho scelto...

Dal nostro blog

Ho imparato che le cose difficili insegnano la bellezza delle cose semplici.

Ho imparato che le cose difficili insegnano la bellezza delle cose semplici.Ho imparato che le cose difficili insegnano la bellezza delle cose semplici. Ho imparato che la distanza conta, ma le mancanze contano di più, che le carezze si possono fare anche con gli occhi, e che i baci immaginati a volte fanno venire i brividi lo stesso. Ho imparato che gli amori veri restano, e che quelli meno veri vanno via, ma che per ogni storia finita ce n'è...