Cerca un autore celebre

Maurizio Sacconi

politico italiano



«Mai come oggi si riconosce al sindacato un improprio potere di cogestione sull'organizzazione delle aziende. L'organizzazione è da sempre compito esclusivo del datore di lavoro, della legge e non del contratto.»

tag: lavoro potere
VOTI: 1


«Oggi l'orizzonte è quello della società dell'assistenza, ossia studiare poco, lavorare male e andare in pensione presto. E senza nessuna forma di valutazione.»

tag: lavoro
VOTI: 1


«Si è affermata l'(in)cultura dell'incidente biologico: siamo incidenti biologici che devono fare meno fatica possibile, sfangarsela alla meno peggio.»

tag: cultura
VOTI: 1


«Quando perdi il senso del lavoro perdi anche il senso della vita.»

tag: lavoro
VOTI: 1


«In Italia si vive l'apprendistato come alternativa alla scelta della formazione "vera": quella della scuola. Quando ho fatto la riforma dell'apprendistato - meglio, quando l'ha fatta Marco Biagi, io sono stato suo strumento - qualcuno mi ha detto: "Bisogna cambiargli nome. Non si può dargli un nome che ricorda la falegnameria, bisogna dargli un nome inglese, che so, apprenticeship. Appunto, apprendistato. L'anello di congiunzione tra scuola e lavoro è fondamentale.»

tag: lavoro
VOTI: 1


«Il problema della precarizzazione sorge proprio dall'età: ho fatto il lavoratore precario a vent'anni e mai mi sono posto il problema; a trenta è un'altra cosa. I neo-laureati italiani approdano al mercato del lavoro senza avere mai raccolto ciliegie o scaricato cassette al mercato. Si laureano a 28 anni, in discipline poco spendibili e senza avere mai fatto un'esperienza lavorativa, e non solo si rifiutano di fare una fotocopia, ma non sono in grado di tenerla in mano: sono antropologicamente mutati.»

tag: lavoro
VOTI: 1


«La conclusione degli studi e l'incontro con il mercato del lavoro avviene in età troppo avanzata, con pesanti implicazioni su altre tappe rilevanti dell'esistenza come l'uscita di casa, il matrimonio, la paternità. Ecco perché nella nostra società le funzioni responsabili non sono in mano ai giovani: difficilmente a 35 anni si avrà un ruolo direttivo se si è appena entrati nel mondo del lavoro.»

tag: lavoro
VOTI: 1


«L'Italia è il paese che più si è intrappolato nel posticipo delle scelte responsabili della vita.»

tag: vita
VOTI: 1


«Fondamentale resta l'intuizione di Marco Biagi per cui ogni istituzione formativa dovrebbe dotarsi stabilmente di un servizio di orientamento, collocamento e monitoraggio - placement lo chiamano gli inglesi - come canale di dialogo permanente tra scuola/università e mondo del lavoro. Verrebbe così interrotta l'autoreferenzialità della funzione educativa.»

tag: lavoro vizi scuola auto
VOTI: 1


«Il processo formativo è inutilmente lungo e lontano dai parametri della Comunità europea, fissati nella strategia di Lisbona e condivisi da tutti a parole, ma nei fatti i nostri percorsi continuano ad essere carenti in campi come la matematica, le scienze, le tecnologie. Percorsi formativi inutilmente lunghi e tendenzialmente dequalificanti, caratterizzati dal monopolio pubblico dell'educazione e da una fortissima autoreferenzialità del corpo docenti di ogni ordine e grado: circolo vizioso, questo dell'autoreferenzialità, che deve essere spezzato.»

tag: educazione vizi auto
VOTI: 2


«In questi anni si è tanto parlato di declino a sproposito, confondendo le normali difficoltà della transizione con una crisi. Trascurando il declino vero, che riguarda la demografia e tocca gli aspetti quantitativi e quelli qualitativi del nostro capitale umano.»

VOTI: 1