Cerca un autore celebre

Marco Bellocchio

regista, sceneggiatore, produttore cinematografico e docente italiano



«Non vedo annunci di primavera nel cinema italiano. Di fronte a noi solo un lungo inverno.»

VOTI: 1


«Il ritorno al potere clericale è il ritorno dei morti che comandano.»

tag: potere
VOTI: 1


«Nella vita sociale e politica non c'è niente di nuovo e non avendo più idee, il vuoto trova ospitalità naturale nei principi della carità, dell'assistenza e del soccorso.»

tag: vita politica
VOTI: 1


«La tecnologia da sola non dà cinema, al massimo genera pura fotografia dell'esistente.»

tag: tecnologia
VOTI: 1


«Fare cinema è qualcosa che riguarda un processo mentale e visivo, è un problema di originalità, di idee, di linguaggio e costruzione delle immagini che sono sempre al primissimo posto.»

VOTI: 1


«Anche chi, come me, si è formato con apparati tecnici molto pesanti, capisce che deve imparare a lavorare con mezzi più agili per arrivare a miniaturizzare lo sguardo. L'innovazione tecnologica ha cambiato l'approccio alla realtà, ci ha regalato uno sguardo fulmineo. Non possiamo non tenerne conto.»

tag: lavoro
VOTI: 1


«"Vincere" sarà un film politico con una continua contaminazione della finzione con il repertorio. Il Mussolini del mio film ricorda l'Alessandro de "I pugni in tasca", che si realizza uccidendo madre e fratello.»

tag: film
VOTI: 1


«Ero bambino alla fine degli anni Quaranta, anni in cui l'educazione cattolica era fondata sul terrore: della minaccia comunista e della morte. Non ricordo momenti di esaltazione del credente, ma solo una richiesta di martirio. Il messaggio che arrivava a noi bambini era questo: il comunismo avrebbe scristianizzato il mondo e l'unica salvezza sarebbe stata trasformarsi in martiri.»

tag: educazione bambini
VOTI: 1


«Tutti i miei film mi riguardano. Vengono sempre dopo ciò che è stato vissuto. È il primato della vita con le sue passioni e i suoi fallimenti.»

tag: vita
VOTI: 1