Cerca un autore celebre

Frida Kahlo

data: 05/26/15 autore:
Frida Kahlo fu una pittrice messicana. La sua vita fu travagliata e artisticamente complessa. Affetta da spina bifida, che i genitori scambiarono per poliomielite, fin dall'adolescenza manifestò uno spiccato talento artistico e uno spirito indipendente. Rimasta vittima di un incidente stradale su un autobus, si ruppe alcune vertebre. Un corrimano, infatti, le trafisse la schiena, provocandole una forte emorragia. Ciò la segnò a vita costringendola a numerose operazioni. Fu costretta a mesi di riposo, immobilizzata al letto, indossando un busto ingessato. Cominciò così a dipingere e a scrivere. Questa situazione forzata la spinse a leggere libri sul movimento comunista e a dedicarsi all’arte. Sosteneva di essere nata nel 1910, figlia della rivoluzione messicana e del Messico moderno. Dopo che le fu rimosso il gesso riuscì a recuperare la capacità di camminare, sebbene non senza dolori, dolori che sopportò per tutta la vita. La Kahlo portò i suoi dipinti al pittore e critico Diego Rivera per avere una sua valutazione. Rivera rimase colpito dallo stile moderno della giovane artista e la inserì nella scena politica e culturale messicana. Nel frattempo la Kahlo divenne un'attivista del partito comunista messicano e si innamorò di Diego Rivera. I due si sposarono ed ebbero un’intensa storia d’amore, tra tradimenti ed esperienze omosessuali. Nel 1939 i due divorziarono a causa del tradimento di Rivera con la sorella di lei. Frida risposò Rivera nel 1940 a San Francisco e morì a Coyoacán, nel luglio del 1954. 
 
 
Che farei io senza l’assurdo?


«Aspetto felice la partenza - e spero di non tornare mai più.»

tag: felicita e tristezza
VOTI: 2


«Non è vero che ci si rende conto dell'urto, non è vero che si piange. Io non versai una lacrima. L'urto ci spinse in avanti e il corrimano mi trafisse come la spada trafigge un toro. Un uomo si accorse che avevo una tremenda emorragia, mi sollevò e mi depose su un tavolo da biliardo finchè la croce rossa non venne a prendermi.»

tag: uomini
VOTI: 2


«Ero una ragazzina intelligente ma poco pratica, malgrado la libertà  che avevo conquistato. Forse per questo non valutai bene la situazione nè intuii il genere di ferite che avevo. La prima cosa a cui pensai fu un giocattolo dai bei colori che avevo comprato quel giorno e che portavo con me. Volevo cercarlo, come se quel che era successo non avesse conseguenze assai più gravi.»

tag: liberta colori conseguenze
VOTI: 1


«Eravamo saliti da poco sull'autobus quando ci fu lo scontro. Prima avevamo preso un altro autobus, solo che io avevo perso un ombrellino. Scendemmo a cercarlo e fu così che salimmo su quell'autobus che mi rovinò. L'incidente avvenne su un angolo, di fronte al mercato di San Juan, esattamente di fronte. Il tram procedeva con lentezza, ma il nostro autista era un ragazzo giovane, molto nervoso. Il tram, nella curva, trascinò l'autobus contro il muro.»

tag: auto
VOTI: 1


«Piedi, perchè li voglio se ho ali per volare.»

VOTI: 1


«Dovevo avere sei anni, quando vissi intensamente un'immaginaria amicizia con una bambina della mia età  più o meno. Sulla vetrata di quella che allora era la mia stanza, e che dava su Calle Allende, su uno dei primi vetri della finestra â?? ci alitavo sopra. E con un dito disegnavo una "porta". Per questa "porta" uscivo nella mia immaginazione, con grande gioia e in fretta, attraverso tutto lo spazio che si vedeva, fino a raggiungere una latteria di nome "Pinzà³n"... Attraverso la "O" di Pinzà³n entravo e scendevo fuori dal tempo nelle viscere della terra, dove la mia "amica immaginaria" mi aspettava sempre.»

tag: amicizia
VOTI: 1


«L'angoscia e il dolore. Il piacere e la morte non sono nient'altro che un processo per esistere.»

tag: dolore
VOTI: 1


«Sono molto preoccupata per la mia pittura. Soprattutto voglio trasformarla in qualcosa di utile per il movimento rivoluzionario comunista, dato che finora ho dipinto solo l'espressione onesta di me stessa, ben lontana dall'usare la mia pittura per servire il partito. Devo lottare con tutte le mie energie affinchè quel poco di positivo che la salute mi consente di fare sia nella direzione di contribuire alla rivoluzione. La sola vera ragione per vivere.»

tag: ragione pittura
VOTI: 1